SCIA a Roma: cos’è e a cosa serve

La SCIA a Roma (acronimo di Segnalazione Certificata Inizio Attività) è la pratica edilizia introdotta la prima volta nel 2010 e creata per andare a sostituire la D.I.A.(Dichiarazione Inizio Attività) per semplificare tutte le pratiche burocratiche riguardo gli interventi edilizi per aperture di nuove attività.

CONTATTACI COMPILANDO IL MODULO PER RICHIEDERE LA SCIA A ROMA COMMERCIALE E/O EDILIZIA AD UN NOSTRO TECNICO:

    La SCIA a Roma  infatti è un titolo abilitativo con il quale è possibile iniziare i lavori subito dopo aver presentato la segnalazione al comune di competenza (tramite sportello telematico SUET) che si forma solo nel caso sussistono tutte le condizioni e i requisiti previsti dal regolamento comunale. Con la SCIA a Roma è possibile eseguire lavori edili di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e varianti al permesso di costruire…possedendo da subito tutta la documentazione necessaria per la realizzazione dell’intervento che si deve eseguire.

    SCIA A ROMA: per quali lavori deve essere richiesta?

    Fra i lavori che si possono richiedere con la SCIA a ROMA sono comprese tutte quella opere escluse dall’attività di edilizia libera e non rientranti al permesso di costruire. E’ bene tenere a mente che tutti gli interventi interventi siano conformi ai regolamenti edilizi comunali, e che non modifichino:

    • I parametri urbanistici e delle volumetrie del locale;
    • la destinazione d’uso e la categoria edilizia dell’unità immobiliare;
    • la planimetria dell’edificio;

    Alcuni esempi di lavori richiedenti SCIA a Roma, ci sono lavori di ristrutturazione appartamento, restauro e risanamento a scopo della conservazione, mutamenti di destinazione d’uso, interventi di manutenzione straordinaria,modifiche, anche di piccola entità, come l’apertura o la chiusura di una o più finestre. Ovvero tutte quelle opere che sono necessarie per preservare il buono stato nel tempo, sia di singole unità abitative che di interi edifici.

    Dove bisogna presentare la SCIA a Roma?

    Come accennato precedentemente la SCIA a Roma si presenta all’Ufficio Tecnico del Municipio di competenza o allo sportello unico per l’edilizia di Roma a firma di un Tecnico Abilitato alla progettazione (Ingegnere, Architetto, Geometra o Perito) e deve contenere un progetto grafico rappresentante lo stato di fatto e la situazione futura, una relazione tecnica in cui si descrivono nel dettaglio le opere da compiersi e i riferimenti normativi, nazionali e locali, che interessano il provvedimento e la certificazione del fatto che il progettista si assume la responsabilità che le opere siano in conformità degli strumenti urbanistici vigenti al tempo dei lavori. Una volta presentata la scia si ritiene approvata e come anzi detto e si puo’ dare inizio alle opere edilizie.

    Quali documenti servono come allegati alla scia a Roma ?

    1. modulo scia ediliza roma in duplice copia, compilato dal proprietario o avente titolo e dagli eventuali contitolari e asseverata da un tecnico abilitato;
    2. asseverazione, ai sensi dell’art. 6 c. 4 del D.P.R. 380/01 e s.m.i., a firma di un tecnico abilitato, il quale dichiari preliminarmente di non avere rapporti di dipendenza con l’impresa né con il committente e asseveri, sotto la propria responsabilità, che i lavori sono conformi agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti e che per essi la normativa statale e regionale non prevede il rilascio di un titolo abilitativo;
    3. relazione tecnica provvista di data certa a firma di un tecnico abilitato;
    4. elaborato grafico di progetto costituito da stato di fatto e di progetto e stato comparativo, a firma di tecnico abilitato;
    5. documento Unico di regolarità Contributiva (D.U.R.C.) delle imprese esecutrici dei lavori;
    6. dichiarazione sostitutiva di certificazione attestante la titolarità alla presentazione della comunicazione;
    7. copia fotostatica fronte-retro del documento di identità in corso di validità del richiedente dell’autorizzazione.
    8. estratto di mappa catastale rilasciato dall’Agenzia del Territorio;
    9. planimetria catastale dell’ immobile in oggetto;
    10. pareri, autorizzazioni, atti di assenso, eventualmente previsti da normative di settore (es. Autorizzazione Soprintendenza per i beni architettonici ed il paesaggio, ecc.).

    COSTI E PREVENTIVO SCIA A ROMA:

    Per avere un preventivo per la tua Segnalazione Certificata Inizio Attività, puoi contattarci CLICCANDO QUI ,o compilando il modulo seguente. Risponderemo il prima possibile:

      SCIA A ROMA: la SCIA in sanatoria per mancata Segnalazione

      In caso di inizio dei lavori, senza aver precedentemente comunicato la SCIA, dovrai procedere con la scia in sanatoria a Roma, soggetta ad una sanzione variabile a seconda della categoria di appartenenza dell’intervento e comunque in misura non inferiore ad Euro 1000,00.

      scia a roma

      PRESENTAZIONE SCIA A ROMA AL SUAP (SPORTELLO UNICO ATTIVITA’ PRODUTTIVE)

      LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA’ va presentata al comune di Roma tramite lo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP Roma). E’ lo strumento istituito dal D.P.R. 7 settembre 2010 n. 160 che permette di presentare e gestire per via telematica – in modo semplice, sicuro e veloce – le pratiche relative alle scia commerciale.


      Direttamente dal sito del comune di Roma, tramite il SUAP è possibile:

      1. Consultare la modulistica cliccando su “Procedimenti” (dalla barra dei menù in alto o dalla “Scrivania utente” in fondo alla pagina). Consente di visualizzare la scheda del procedimento dell’attività nella quale sono presenti la normativa di settore, il fac simile della SCIA/Comunicazione/Istanza, l’elenco della documentazione e degli allegati da presentare unitamente alla SCIA/Comunicazione/Istanza; 
      2. presentare on line una pratica cliccando su “Accesso” (dalla barra dei menù in alto a destra), selezionando “Cittadino/Impresa” o “Intermediario” e seguendo la procedura prevista per l’identificazione. 


      Il SUAP a Roma è l’unico punto di accesso territoriale consentito e il punto di riferimento per l’imprenditore e per chi intende diventarlo: riceve e gestisce infatti tutte le domande, dichiarazioni, segnalazioni o comunicazioni inerenti ogni procedura legata alle scia commerciali e alle prestazioni di servizi.